Un altro ambito di fondamentale importanza per noi è il mercato, sia in un’ottica di trasparenza interna che di crescita internazionale. Prima di tutto +Europa vorrebbe, con una certa rapidità e urgenza, spingere per una legge quadro che porti l’Italia a una condizione di zero infrazioni nei confronti delle normative europee. Di nuovo occorre ricordare
Altro punto del nostro programma: ricerca scientifica e sistema scolastico. +Europa è assolutamente schierata a favore del diritto alla scienza e intende spingere la diffusione del metodo scientifico quanto più possibile. Con questo intendiamo dire che, ancora più che il sapere scientifico di per sé, è importante che a livello politico e sociale torniamo a

Programma di +Europa: Economia

Il programma di +Europa punta a una riforma del sistema tributario mantenendo fermi due obiettivi principali: il contenimento (e progressivo abbassamento) del debito pubblico, e il principio di equità. Ora, queste finalità possono sembrare le stesse di vari altri programmi elettorali ma, come ho ripetuto spesso, la differenza non sta tanto nel cosa quanto nel
Sulla qualità che riconosco alle campagne elettorali in questi giorni mi sono già espressa: la trovo estremamente bassa e anche un po’ offensiva nei confronti del cittadino. I partiti continuano a parlare (volutamente) con toni rabbiosi, arrampicandosi sui fatti di cronaca giusto per poter cavalcare al meglio la rabbia e l’indignazione delle persone. Di programmi

Onestà ad personam

Con parole identiche, quasi fossero state loro suggerite da qualcuno, Cecconi e Martelli ammettono l’errore nei confronti del Movimento, si consegnano alla somma autorità dei probiviri e rinunciano alla loro elezione. Benissimo, tranne per il fatto che primo: rinunciare all’elezione non è possibile. Non lo consente la legge itialiana né il regolamento delle Camere. Secondo:

Condonare la coscienza

Silvio Berlusconi propone, con molti giri di parole in modo che non suoni troppo palese, nuovi condoni edilizi. Quando i giornalisti gli chiedono di dirlo chiaramente lui nicchia, dicendo che «condono» è solo un modo come tanti di chiamare la sua intenzione di rilanciare l’edilizia. Ottimo. Salvini, dal suo pulpito, si improvvisa teologo e costituzionalista
Ieri Silvio ha detto che sarebbe disposto a togliere la parola razza dalla Costituzione, cosa che anche io mi sento di appoggiare completamente. Il termine razza non ha alcun fondamento scientifico o genetico e ormai, inutile nascondersi dietro discussioni linguistiche, è comunemente usato in tono dispregiativo, negativo. Benvenga toglierlo allora, ma non basta. Non basta
Ho sempre guardato ai miei principi come a delle guide, dei modi per orientarmi anche e soprattutto in politica. Per questo oggi mi trovo all’interno della compagine di +Europa, perché qui ho l’opportunità di portare avanti quelle battaglie per cui tanto mi sono impegnata, fin dai tempi del Movimento 5 Stelle. Diritti civili, risanamento della
Lo Ius Soli (o Ius Culturae, se volessimo essere onesti), continua ad essere il fulcro su cui si impernia l’attuale populismo. Fa un po’ impressione pensare alla quantità di voti che verranno decisi da una discussione falsata nei modi, nei significati e perfino nei termini. Il diritto di cittadinanza in oggetto, lo ripeto, serve a
TORNA SU